Realizzare manufatti per l’esercizio dell’attività venatoria

Realizzare manufatti per l’esercizio dell’attività venatoria

I manufatti per l’esercizio dell’attività venatoria realizzati nel sito in cui è autorizzato l’appostamento fisso possono essere realizzati senza alcun titolo abilitativo (Legge regionale 10/11/2014, n. 65, art. 136, com. 1, let. f). Devono però avere le caratteristiche indicate dalla Legge regionale 12/01/1994, n. 3, art. 34, com. 6-bis:

  • non devono comportare una alterazione permanente dello stato dei luoghi
  • devono essere realizzati in legno, con altri materiali leggeri o con materiali tradizionali tipici della zona o con strutture tubolari non comportanti volumetrie
  • devono essere facilmente ed immediatamente rimovibili alla scadenza dell’autorizzazione
  • devono essere ancorati al suolo senza opere di fondazione
  • non devono avere dotazioni che ne consentano l’utilizzo abitativo, anche se saltuario o temporaneo.

I manufatti devono essere rimossi in assenza della autorizzazione.

Devono però essere rispettate:

  • le prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali
  • le altre normative di settore con incidenza sulla disciplina dell'attività edilizia e, in particolare, le norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienico-sanitarie e sull'efficienza energetica
  • le disposizioni contenute nel codice dei beni culturali e del paesaggio (Decreto legislativo 22/01/2004, n. 42).

Pur non essendo richiesto alcun titolo abilitativo, il cittadino può comunque presentare comunicazione facoltativa per interventi edilizi liberi per notificare al Comune l'esecuzione dei lavori.

Servizi

Per presentare la pratica accedi al servizio che ti interessa

Puoi trovare questa pagina in

Aree tematiche: Casa
Ultimo aggiornamento: 30/03/2021 10:51.14